Programma Elettorale

TRASPORTI

Il trasporto pubblico è l’elemento cardine di una metropoli estesa come Roma. Il suo sviluppo consentirà di migliorare la qualità delle vita dei cittadini attraverso la riduzione dei tempi di percorrenza e il decremento del traffico privato, con notevole riduzione dell’inquinamento dell’aria. Il primo atto da compiere sarà quello di mantenere in servizio 24 ore su 24 le linee della metropolitana almeno durante il weekend, in modo da assicurare collegamenti rapidi e con orari certi. Il completamento della linea C è inderogabilmente un punto chiave. Non va poi tralasciata la rete tranviaria, che va ampliata ed ammodernata, e sulla quale si deve puntare molto in quanto costruire un km di tranvia costa un 1/10 di un km di metropolitana e la sua realizzazione non comporta tempi eccessivamente lunghi. Diviene fondamentale in questo momento di crisi creare nuove formule di abbonamento ai trasporti pubblici: infatti verrà reintrodotto l’abbonamento mensile per i giovani, soppresso da qualche mese dall’attuale Giunta Comunale. Saranno estesi e migliorati i servizi di bike sharing e car sharing, che consentono anch’essi un risparmio in termini di costi e di ambiente.

REDDITO MINIMO GARANTITO

Il reddito minimo garantito è un reddito di base incondizionato dato a livello individuale, ai residenti (e non solo ai cittadini), incondizionato (ovvero non sottoposto a nessun obbligo), proveniente dalla fiscalità generale e non dai contributi sociali. Non è una misura assistenziale, in quanto si tratta di un reddito primario, cioè remunera un’attività produttiva di valore, che è l’attività di vita, che solo in parte oggi è certificata come lavoro e quindi retribuita.

È una misura di welfare (sicurezza sociale) che parzialmente esiste in tutti i paesi dell’Unione Europea eccetto Italia e Grecia: un sostegno economico alle persone con un lavoro intermittente o disoccupate.

A Roma dovrebbe essere come minimo di 720 euro al mese (20% in più della soglia di povertà relativa). Oggi, ammortizzatori sociali come la cassa integrazione o il sussidio di disoccupazione sono riservati a chi ha perso un lavoro a tempo indeterminato e determinato; il reddito minimo, invece, dovrebbe essere dato a tutte le persone che hanno un reddito inferiore ai 720 euro/mese, per esempio ai precari tra un contratto e l’altro, ai disoccupati e ai lavoratori/trici.

Le risorse economiche necessarie a finanziare tale strumento giungeranno dalle transazioni finanziarie, anche solo per lo 0,01%, dai grandi patrimoni immobiliari che lucrano sugli spazi delle città, dal taglio degli sprechi e dalla lotta all’evasione.

CASA

La casa è un diritto della persona, e come tale l’amministrazione comunale deve adoperarsi affinché chi ha necessità di avere un’abitazione non sia lasciato solo. Per questo è necessario implementare l’edilizia popolare, evitando però la cementificazione di aree prettamente agricole dove vi sono scarse infrastrutture stradali e ferroviarie. Si eviterà per quanto possibile di costruire ulteriori metri cubi, ma piuttosto si recupereranno aree all’interno della città utilizzate in maniera non soddisfacente, come ad esempio la riconversione delle caserme militari, il che può avvenire attraverso un accordo con il Ministero della difesa. Vi è poi l’idea di censire gli appartamenti sfitti dei vari enti pubblici, i quali saranno assegnati in base ad una graduatoria che favorisca le giovani coppie.

ASILI NIDO

E’ evidente il bisogno per Roma di avere una capillare rete di asili comunali, con tariffe accessibili e personale qualificato. L’obiettivo è che nessuna famiglia debba essere costretta a rivolgersi presso strutture private non in base ad una scelta personale, ma per la mancanza di posti in quelli pubblici. Le grandi aziende presenti sul territorio vanno inoltre agevolate in modo che possano dotarsi quanto prima di asili “aziendali”, i quali oltre a soddisfare l’ingente domanda di strutture per i più piccoli avranno il fine di facilitare il complesso compito della donna in quanto madre e lavoratrice.

DIRITTI

Oggi sono in forte espansione forme di legami affettivi e di vita stabili e durature, le quali essendo estranee all’istituto del matrimonio, vengono spesso considerate unioni di serie B e come tali ignorate dalle istituzioni. Il compito della futura amministrazione comunale sarà quello di assicurare la parità dei diritti e dei doveri per tutte quelle coppie che vogliano essere riconosciute, promuovendo la parità tra le varie forme di comunione di vita e contrastando ogni discriminazione nelle varie aree attività del Comune. Ecco dunque il perché della realizzazione del Registro delle Unioni civili: non si tratterà di un mero atto simbolico, ma sarà la base per l’adozione di politiche e di atti non discriminatori. Questa politica renderà Roma più onesta, perché una città onesta è una città che non umilia i suoi membri.

AMBIENTE

Per rilanciare le politiche ambientali di questa città, è necessario in primis sostenere in maniera chiara che la discarica di Malagrotta va CHIUSA e BONIFICATA quanto prima, in quanto ormai satura: il continuo procrastinarne l’esistenza causa enormi problemi ai cittadini che abitano nelle zone limitrofe a suddetta area, nonché sanzioni da parte della Commissione Europea. Va poi detto che non è possibile sostituire Malagrotta con un solo unico impianto, che sarebbe devastante per qualunque altra area del territorio. Risulta più conveniente la creazione di più impianti distribuiti in varie zone del Comune, di piccola estensione, nei quali dovranno finire unicamente i materiali non riciclabili; pertanto la raccolta differenziata va implementata con l’aggiunta della raccolta differenziata “porta a porta”. Per quanto riguarda i parchi, va potenziata la manutenzione di piante e strutture. All’interno delle aree verdi difficilmente controllabili è possibile creare “PARCHI AGRICOLI” con il fine di far ritornare le coltivazioni su superfici oggi abbandonate al degrado. Le zone idonee al progetto saranno assegnate tramite una graduatoria e date in concessione gratuita; tutto quello che verrà prodotto, potrà essere acquistato dai cittadini direttamente dal produttore, in modo da ottenere derrate di qualità a prezzi concorrenziali in quanto vengono saltati tutti i passaggi intermedi.

CULTURA

Roma non può permettersi, data la sua millenaria storia, di restare indietro a livello culturale rispetto alle altre grandi capitali europee. I suoi monumenti vanno valorizzati attraverso un accurato restauro volto ad evitare crolli delle strutture già verificati in passato. A lungo la fame di sapere dei cittadini non è stata placata, ecco perché va implementato il numero di biblioteche comunali presenti sul territorio. Spetterà all’amministrazione comunale vigilare attentamente affinché non si ripetano più chiusure definitive di cinema e teatri storici all’interno della città, come si è avuto modo di assistere in questi anni. Le iniziative culturali vanno poi per la massima parte realizzate proprio dove il bisogno di cultura è più forte: nelle periferie. Per questo dovranno essere organizzate numerose “NOTTI BIANCHE TEMATICHE” che coinvolgano tutti i municipi, e non solo il centro storico. Va inoltre salvata dalla speculazione edilizia l’area degli stabilimenti di Cinecittà, dove va creato un museo del cinema adeguato alla sua storia; la Festa del Cinema di Roma va ripensata per essere svolta proprio all’interno della struttura.

DISABILITA’

Una città accogliente e solidale come Roma non può ignorare i suoi cittadini ed i suoi turisti più svantaggiati. In ogni Municipio sarà istituita la figura del Disability Manager, il quale controllerà e ascolterà le esigenze dei disabili che verranno affrontate in sede comunale. Le persone con handicap non dovranno più sentirsi sole, per questo l’amministrazione provvederà ad ampliare i percorsi per non vedenti, disponendo che tutti i semafori abbiano le dovute apparecchiature acustiche. Nelle scuole comunali si cercherà di assicurare la presenza di educatori di sostegno con rapporto 1 a 1. Si collaborerà con il Banco Farmaceutico, per medicine gratuite e eventuale “TAXI-FARM” (progetto per il recapito di medicinali a casa) e con il CONI per incentivare l’attività sportiva anche per le persone diversamente abili.

Le rampe d’accesso sugli autobus saranno sottoposte alla dovuta manutenzione e potranno essere rilasciati “buoni taxi” per disabili gravi che debbano recarsi in strutture di cura.

LEGALITA’

Nel particolare momento che la nostra società sta attraversando, è necessario non solo spendere parole in favore dell’etica e della legalità, ma adottare provvedimenti concreti ed efficaci. Riguardo l’etica, poiché la classe politica deve tornare ad essere un esempio per i cittadini, saranno esclusi dalla candidatura in liste o per nomine gli indagati per mafia, i rinviati a giudizio per reati contro la PA, la fede pubblica e i reati cosiddetti “dei colletti bianchi”; saranno diminuiti i compensi ed i privilegi della classe politica comunale e verranno introdotti nuovi sistemi per le nomine, introducendo modalità pubbliche di esame preventivo delle competenze, di affidamento di precisi mandati e di controllo su quanto effettivamente realizzato. La legalità, e di riflesso la sicurezza in città, verrà poi assicurata attraverso il miglioramento dell’illuminazione pubblica e l’abolizione delle ordinanze coprifuoco che svuotano strade e piazze e danneggiano le attività commerciali poiché la convivenza è sinonimo di vita e non di buio e paura. Inoltre sarà assicurata anche la legalità all’interno del Comune stesso, attraverso rigorosi canoni di condotta per tutti i dipendenti, interventi disciplinari e cautelari rapidi, insieme con il costante controllo della conduzione di appalti e subappalti, verifica e revisione dei contratti in corso.

PARITA’

La nuova Amministrazione orienterà tutte le politiche comunali verso l’uguaglianza tra uomini e donne. Decisioni politiche che appaiono neutre rispetto al genere possono avere un impatto diverso sulle donne e sugli uomini anche se tale effetto non è né voluto né previsto, perché esistono diversità sostanziali nella vita delle donne e degli uomini che rafforzano le disparità già esistenti. La città sarà orientata verso l’analisi dell’Impatto rispetto al Genere delle Politiche di governo della città di Roma. Si procederà con l’adozione di provvedimenti politici e amministrativi per la democrazia paritaria. La Nomina della Giunta e l’attribuzione degli incarichi avverrà nel rispetto della suddetta democrazia e del principio della rappresentanza dei cittadini e delle cittadine. Nelle posizioni di vertice dell’amministrazione comunale e nei consigli di amministrazione delle aziende sarà garantita una rilevante presenza di donne, senza esclusione per le posizioni esecutive (amministratori delegati e Presidenti).

Se vuoi più informazioni riempi il modulo seguente e sarai contattato il prima possibile.Ricorda di riempire tutti i campi richiesti .
Send a copy to my own email address
Joomla Templates by MightyJoomla